Petruska - prima discussione

Si parla di danza classica
Rispondi
Avatar utente
WOTAN86
Messaggi: 2508
Iscritto il: 09 ago 2002 12:00
Località: ANCONA
Contatta:

Messaggio da WOTAN86 » 28 mag 2003 13:14

Ragazzi,

posso avere l'onore di iniziare la prima discussione in questa parte del forum?

Allora un anno fa ho visto su classica un balletto molto interessante: Petruska di Stravinskij
Ricordo che era una domenica di Luglio e mi divertì molto questa coreografia con ballerini-burattini e le belle scene di Benoit!
Qualcuno può dirmi di più riguardo questo balletto?

Grazie,

WOTAN


http://davidewotan.spaces.live.com/
mio nuovo blog
http://www.derwanderer.splinder.com/
La lucia in maori

Avatar utente
matabr1967
Messaggi: 618
Iscritto il: 13 lug 2001 15:47
Località: Padova

Messaggio da matabr1967 » 29 mag 2003 07:50

Djaghilev, il fondatore dei Ballets Russes che girarono per tutta europa nei primi anni del novecento, diede incarico a Stravinskij di comporre la musica su questa favola popolare russa.
Credo che il nostro amico moscovita potrà essere più esauriente di me.
Posso dirti che il primo Petrushka fu Vaclav Nijinskij, il più grande ballerino russo del primo novecento.
La prima si tenne a Parigi e proprio qualche anno fa c'è stato un revival parigino di questo e di tanti altri balletti di Djaghilev.
Esistono due versioni di Petrushka.
Per chi volesse apprezzarne la bellezza, consiglio l'edizione Sony, diretta da Boulez: contiene anche l'altro capolavoro ballettistico stravinskiano, LE SACRE DU PRINTEMPS.
Su video e dvd esistono la versione del revival parigino e quella, bellissima e rivisitata, del Marijnskij di San Pietroburgo.

Saluti.
Matteo
"Conosco un Tizio con una gamba di legno di nome Smith..."
"Ah sì? E come si chiama l'altra gamba?"

(da Mary Poppins)

Fede
Messaggi: 14
Iscritto il: 14 giu 2003 07:52
Località: Arezzo

Messaggio da Fede » 18 giu 2003 19:49

Su Petrushka posso solo dire due parole da giovane ascoltatore: è un balletto stupendo che purtroppo non ho mai visto danzare né dal vivo né in televisione e quindi non conosco sotto il profilo coreografico; sicuramente ha segnato un'epoca: certe invenzioni timbriche, certe acidità strumentali, quell'uso politale della melodia danno a questo balletto una personalità unica ed un climax irripetibile... Sono delle Scene burlesche che fanno diventare una vicenda di tutti i giorni (sebbene con personaggi in realtà inanimati) la rappresentazione della condizione umana ma con un'ironia che si oppone totalmente all'enfasi wagneriana... Tralasciando significati filosofici, Petrushka è un lavoro musicale che apre tutte le strade future, è una vera rivoluzione, un passo verso l'avvenire: forse non esagererei dicendo che buona parte della musica moderna (a parte i dodecafonici) derivano da questa esperienza!

Avatar utente
alcarrega
Messaggi: 105
Iscritto il: 13 lug 2001 15:51
Località: Parigi, Francia
Contatta:

Messaggio da alcarrega » 21 giu 2003 13:33

Hai raggione Matteo, a Parigi, ogni tanto, ricreano Petruchka, e la Sagra della Primavera, con i cotumi uguali a quelli della prima.
Mi pare che Petruchka sia stato un grande scandalo, cosi come la Sagra, quando è stata creata...
Infatti, le ballerine si tolsero le punte, e ballavano a piedi "piatti" (hem... non sono sicura che si dica cosi!!) e questo era una novità per il pubblico parigino del Teatro dei Campi Elisi, abbituato a cose molto più "classiche"...
Quante altre cose avranno visto da allora!!!!!
Je peux résister à tout... sauf à la tentation.
Oscar Wilde

Rispondi