SONDAGGIO - "Mettiamoci all'opera"

Rispondi

La RAI ha messo in onda il varietà "Mettiamoci all'opera". Cosa ne pensate?

Dal momento che la musica lirica è così poco presa in considerazione dalla RAI, si tratta, tutto sommato, di un fatto positivo.
27
28%
L'impostazione del programma è del tutto censurabile ed insoddisfacente è il risultato.
57
60%
Soddisfacente da ogni punto di vista.
0
Nessun voto
Conduzione, ospiti e giuria lodevoli ma concorrenti sotto il livello di guardia.
4
4%
Concorrenti promettenti ma conduzione, ospiti e giurati censurabili.
7
7%
 
Voti totali: 95

Avatar utente
Pruun
Messaggi: 3419
Iscritto il: 18 apr 2007 16:17
Località: Macerata, a far vita da bohémien (e mica scherzo...!)
Contatta:

Re: SONDAGGIO - "Mettiamoci all'opera"

Messaggio da Pruun » 29 dic 2009 19:55

Alberich ha scritto:Concordo con Notung e dissento totalmente con la visione stinchelliana che riassumerei così: visto che la gente è ignorante, le propiniamo spazzatura, magari a qualcuno scatta una scintilla e va a vedere com'è l'opera. Però se la scintilla scatta con la spazzatura, di certo non ci si troverà bene a teatro.
Io potrei portare alcuni esempi di amici miei che mai avrebbero pensato all'opera, ma ai quali è piaciuta moltissimo quando li ho invitati avendo dei biglietti in più. L'opera, e mi spiace distruggere la nostra autostima, non è un'arte per eletti. E' una forma di spettacolo molto bella, molto coinvolgente, che spesso passa al primo ascolto "vero". Non credo proprio con gli spettacolini.
:clap: :clap: :clap:



Avatar utente
il_bonazzo
Messaggi: 15855
Iscritto il: 03 lug 2002 14:21
Località: Pescara

Re: SONDAGGIO - "Mettiamoci all'opera"

Messaggio da il_bonazzo » 29 dic 2009 21:08

HenryTWizard ha scritto: Sai benisimo Domenico (avendo tu partecipato a competizioni canore televisive) come funziona la Tv, quindi sai anche che vi sono dei programmi , dei tempi, dei tagli, che prescindono da qualsiasi discorso di carattere strettamente tecnico-musicale. Vuoi che ti dica che simili programmi fanno schifo? E dopo, una volta detto questo? Abbiamo concluso qualcosa, tu e io? Non mi dire che tu e qualche altro amico melomane, me compreso, ci si accontenta di un insulto?
Un programma televisivo è oggi puramente pretestuoso, non è e non potrebbe nemmeno essere un Tempio per la Consacrazione dell'Opera (che è giù consacrata di per sé). A fare i blob possiamo divertirci tutti, ma davvero vuoi farmi credere che così poco basta per placare gli animi turbolenti della minoranza rumorosa dei cosiddetti 'appassionati d'Opera'? Io non ci credo ma se vuoi una mia inutile recensione di questo programma io non ho alcuna difficoltà a fornirtela. Probabilmente saremmo poi d'accordo sul 99% delle cose e...poi? Una volta cantata e suonata tra noi, cosa resta?
Io sono stato chiamato come giurato, ripeto: non ho potuto mettere né mano né bocca sul taglio della trasmissione. Credo che il dovere di un professionista (e includo la Ricciarelli, la Berti e Fabio Armiliato, ci mancherebbe!) sia quello di essere onesto e professionale nel proprio ruolo!
Che poi una tale trasmissione possa essere : migliorata, cambiata radicalmente,trasformata....ah, qui si apre un altro discorso, ma non mi sembra sia questo l'indirizzzo indicato da taluni post che ho letto.
Enrico, il problema è che a parer mio questo tipo di trasmissioni non aiutano per niente l’opera anzi la danneggiano. Considera che il target di raiuno è quello di persone oltre i cinquant’anni, per cui un successo peraltro discreto di pubblico deve tenere conto del fatto che pochissimi giovani erano davanti alla tv. In effetti, come hanno sostenuto altri, sembra che trasmettere un’opera lirica per diffondere l’opera lirica sia diventata una bizzarria, e si deve ricorrere a trucchi, trucchetti e mezzucci vari. Non mi stancherò mai di citare una cosa : quando bruciò la Fenice, la RAI sull'onda emotiva decise di trasmettere in diretta il DON GIOVANNI dal Palafenice, e fece un ascolto di circa due milioni su RaiDue. Il direttore generale di allora tuonò da non ricordo quale trasmissione che la Rai non si poteva permettere simili ascolti bassissimi in prima serata, e che se la lirica non garantiva un minimo di share non ci si poteva lamentare se poi veniva relegata a tarda notte, perchè le logiche della concorrenza imponevano tutto ciò.
Qualche anno dopo, sempre su RaiDue, il programma di "approfondimento giornalistico" (sic) EXCALIBUR, ideato e condotto da Antonio Socci raccomandato di ferro della Lega, andò avanti per due anni in prima serata con ascolti intorno al milione e mezzo quando andava di lusso, e con uno share medio del 5%. Se la lirica non va in onda in prima serata, non è perché non fa ascolto, giacchè ci sono porcherie che fanno anche meno ascolto ma vanno tranquillamente in onda, ma perché non ci sono sponsor politici forti. Dunque, se l’alternativa è tra il niente e la trasmissione di Frizzi, io personalmente preferisco il niente. Che vi devo dire, sarò snob e/o felice nella nicchia. Dare “l’avvallo” con la tua presenza, per me significa sdoganare l’inqualificabile. Almeno dalla prima esperienza che fece Baudo (quella famosa dove la Katya disse “non si dice che balla la voce neanche in punto di morte”), ne uscì Nicola Ulivieri. Qui che ne esce? Sia detto con spirito di confronto e senza acrimonia,ci mancherebbe.
E comunque, siccome voglio anche io stemperare, alla fine sai perché è successo tutto questo? Perché si sei trovato ad ascoltare l’aria della bambola dall’opera che porta rogna, cosa che si conferma una volta di più!!!
:mrgreen:
"Spengi quella telecamera! Spengila, t'ho detto!!!"
Immagine

Avatar utente
marcum
Messaggi: 1415
Iscritto il: 18 ott 2005 14:04
Località: Roma

Re: SONDAGGIO - "Mettiamoci all'opera"

Messaggio da marcum » 29 dic 2009 22:08

Tebaldiano ha scritto:Io non mi sento di lanciare strali tanto pesanti nei confronti di un conduttore radiofonico del valore di Enrico, che peraltro ha il garbo di scrivere e confrontarsi qui sul forum, viso a viso, senza sottrarsi alla discussione.
Non credo che si possa nemmeno indirettamente imputare a lui, né ad Armiliato (né ad Orietta Berti...) se la trasmissione, di cui ho visto stralci significativi, ha avuto un esito tanto penoso.
I professionisti vengono invitati da una rete nazionale, vengono giustamente retribuiti e di conseguenza partecipano. Mi pare tutto ovvio e naturale. Che si chiamino, tanto per fare un esempio, Tangucci in una trasmissione di Baudo o Stinchelli in una trasmissione di Frizzi. E se i cantanti e il format erano migliori nel primo caso non è certo merito di Tangucci o demerito di Stinchelli. Semplicemente l'ospite-giurato si è trovato di fronte a quello che c'era e con quello si è confrontato.
Né tanto meno mi spingerei ad un processo alle intenzioni del tipo: parli male di una trasmissione perché non sei stato invitato. Mi pare gratuito e indimostrato.
Mi sentirei solo di suggerire ad Enrico un po' più di moderazione nei suoi giudizi, spesso parecchio drastici, espressi in una trasmissione dal seguito così vasto come la Barcaccia, perché poi è facile che gli ascoltatori più attenti (non quelli un pochino più ingenui e plaudenti) memorizzino tutto e poi, legittimamente, chiedano conto della coerenza.
Ecco Fabrizio hai toccato proprio il tasto dolente. La coerenza. Non potevi citare parola più pregnante. Forse non ricordi come il signor Stinchelli abbia apostrofato e giudicato trasmissioni televisive di livello decisamente più alto di quella di Frizzi. Basta rinfrescarsi la memoria con qualche 3D passato inerente gli argomenti citati dove il suddetto giornalista è quanto mai caustico e drastico e spesso anche decisamente poco educato. Suvvia, siamo seri e diciamola tutta. Se il Signor Stinchelli non avesse partecipato all'immonda trasmissione ne avrebbe detto peste e corna, altrochè sparare sulla crocerossa... siamo abituati a leggere ben altre cattiverie di infimo livello uscite dalla sua penna e non di rado anche dalla sua bocca. E bisogna pur dire che trasmissioni del tipo Loggione e la famosa serata di Baudo tanto per citarne due, massacrate dal suddetto, siano due esempi di ben altro livello culturale rispetto a ques'ultima. E Fazio? Neanche una parola... ma guarda un pò! Eh si... chissà quanti impegni, non c'era tempo forse per parlarne...
Daltronde nella trasmissione di Frizzi non c'era davvero nessuna stonatura, il livello era chiaro e palese e gli intenti pure.... l'unico pesce fuor d'acqua, che non centrava proprio niente a mio parere era Armiliato.
Per il resto baracconate e piccinerie, robetta da cabaret niente più.
What a wonderful world it could be, if only we would give a chance!

Avatar utente
il_bonazzo
Messaggi: 15855
Iscritto il: 03 lug 2002 14:21
Località: Pescara

Re: SONDAGGIO - "Mettiamoci all'opera"

Messaggio da il_bonazzo » 29 dic 2009 22:26

marcum ha scritto:... siamo abituati a leggere ben altre cattiverie di infimo livello uscite dalla sua penna e non di rado anche dalla sua bocca.
Vabbè, adesso....come ho già detto a me piace rimanere in ambito costruttivo e di sano confronto, e questo non mi sembra lo sia. Così passi dalla parte del torto.
"Spengi quella telecamera! Spengila, t'ho detto!!!"
Immagine

Avatar utente
notung
Messaggi: 20248
Iscritto il: 07 nov 2004 23:10
Località: Trieste
Contatta:

Re: SONDAGGIO - "Mettiamoci all'opera"

Messaggio da notung » 29 dic 2009 22:27

Marcum mi pare di scrivere in italiano, no?
Ho scritto che questo non è e non può essere un processo a Enrico Stinchelli, al quale è stato detto a sufficienza e anche con toni non esattamente cortesi, ora basta.
Si parli e si discuta della trasmissione e non si sfrutti questo spazio per regolare conti personali.
Abbiamo aperto la discussione perché ci pareva interessante parlare di qualcosa che interessa tutti e cioè una prima serata in televisione basata sulla lirica.
Vale per tutti e questo è l'ultimo avviso.
La Spada di Sigfrido

http://amfortas.wordpress.com/

<<Sono responsabile di quello che dico non di quello che capiscono gli altri.>> Massimo Troisi, forse.

Avatar utente
asklepio
Messaggi: 13151
Iscritto il: 08 ago 2005 00:18
Località: Pistoia

Re: SONDAGGIO - "Mettiamoci all'opera"

Messaggio da asklepio » 29 dic 2009 22:34

Una "prima" importante data in diretta, con chiacchiere sensate durante gli intervalli ecc. , sul tipo delle "prime" scaligere (Otello ecc) di molti anni fa... credo che sarebbe stata infinitamente più costruttiva.
Prendete un'ostrica bella signora
alla buonora, alla buonora

Immagine

pasquale uno
Messaggi: 1131
Iscritto il: 23 dic 2008 20:34

Re: SONDAGGIO - "Mettiamoci all'opera"

Messaggio da pasquale uno » 29 dic 2009 22:38

mettiamola cosi :c'è ancora una seconda puntata speriamo in meglio.
comunque finchè la rai (servizio pubblico)insegue l'audiens,e gli sponsor,sarà sempre cosi.
L'unico modo,e non mi stancherò mai di scriverlo che con l'avvento del digitale,e con tanti canali in più,si progetti un canale apposta pe la cultura teatro e opera,su questo sia i dirigenti della rai,come anche tanti politici che magari piace la cultura in genere,devono farsi promotori,e fare pressione perche questo canale venga progettato e realizzato.Magari i teatri possono fare degli abbonamenti e fare dei prezzi economici per fare trasmettere le opere su questo canale,questo canale non deve seguire la logica dell'auditel,deve essere un canale di promozione culturale,e sono sicuro che in Italia ci sono ancora (a parte il pubblico che gia segue)tanti giovani che davanti a programmi di qualità e istruttivi,seguiranno questo canale.Ne sono convinto,bisogna cercare di guardare lontano non fermarsi sempre davanti agli indici di ascolto.

Avatar utente
manrico64
Site Admin
Messaggi: 18551
Iscritto il: 10 lug 2001 23:31
Contatta:

Re: SONDAGGIO - "Mettiamoci all'opera"

Messaggio da manrico64 » 30 dic 2009 00:11

max_sie ha scritto: e quindi ricordo cosa scrive e cosa ha scritto il Sig.Stinchelli in queste pagine...
e penso che non ci sia nulla di male nel chiedere chiarimenti a riguardo, come credo anche che sia assolutamente lecito non accontentarsi di maldestri tentativi di capovolgimento di frittate e di cambiamenti delle carte in tavola
chiedere chiarimenti è lecito ma non è necessario scrivere, scrivere e ancora ribadire in vari post lo stesso concetto con toni offensivi, altrimenti dalla richiesta di chiarimenti passiamo al "linciaggio" e questo oltre che far male all'obbiettivo dello stesso, non aiuta la discussione ad ottenere le risposte. Quando uno ha espresso la propria opinione in maniera chiara e netta, basta... non è necessario ribadirla all'infinito.
Ho risposto al tuo post ma non mi pare che tu abbia usato toni offensivi, quindi mi riferisco soprattutto a chi, a mio parere, ha calcato un po' troppo la mano, tipo Marcum. Vediamo di capirci ed essere ragionevoli... discutiamo ma non degeneriamo; tutto qui!
Danilo

Avatar utente
Orsolina
Messaggi: 2727
Iscritto il: 03 nov 2005 16:15
Località: Firenze

Re: SONDAGGIO - "Mettiamoci all'opera"

Messaggio da Orsolina » 30 dic 2009 00:48

Allora, per sdrammatizzare un po', facciamo qualche pronostico sui prossimi concorrenti di questa (permettetemi di dirlo) orrida trasmissione!
Ci saranno anche contralti e bassi questa volta?
Che cosa canteranno?
Che abiti indosseranno?
Si aprono le scommesse!
:D
"Cerco casa al mare, nei pressi di Orvieto"
Suor Aranel

http://donnevaghe.blogspot.com
aggiornato al 29 gennaio 2013

Avatar utente
HenryTWizard
Messaggi: 11000
Iscritto il: 26 set 2002 13:01
Contatta:

Re: SONDAGGIO - "Mettiamoci all'opera"

Messaggio da HenryTWizard » 30 dic 2009 01:16

mah....quello che più colpisce nei post dei "detrattori" è: 1) l'attacco personale del tutto fuori luogo, a meno che non si celino strani rancori (ragazzi: sono seriamente preoccupato per voi, ma davvero ve la prendete per così poco? E come fate con i problemi reali della vostra vita?); 2) il fatto che sono proprio i detrattori "ad personam" a non proporre nulla di concreto e alternativo.Al solito.
In coloro che invece propongono noto delle soluzioni anche molto interessanti ma, permettetemi, del tutto utopiche. E' verissimo che l'indice di ascolto è qualcosa di falso e manipolato, ma è anche vero che l'Opera non ha futuro se presentata integrale o con il vecchio sistema dell'affabulazione divulgativa (stile Baricco, per intenderci). Non è riversando fiumi di melassa e di luoghi comuni, tipo "ma quanto è bella" , che accadrà mai qualcosa.
Sono anche d'accordo che le gags stile Zelig non funzionino, il concorso....mmmh...non so. Il talent show funziona per molti generi, perché non per l'Opera? Il problema per me è un altro: i concorrenti. Costoro DEVONO essere giovani veri e debuttanti di talento, a costo di fare provini per un anno. Inutile far esibire 35enni in carriera spacciandoli per 25enni, cm'è accaduto con la brava Jasko Fuji, che io ben conosco da anni. La regìa ha tagliato la frase della Ricciarelli in cui le diceva: "Ma tu hai veramente 25 anni?" e lei "No, ne ho 35", ....questo è il problema.La selezione deve essere da talent show: voci nuove, debuttanti, qualità ben selezionata. Ho partecipato a un paio di riunioni, ho consigliato, ho persino segnalato personalmente almeno una 25ina di nuovi cantanti....poi ognuno ha fatto come ha voluto.
Per rispondere a Marina, dirò che nella seconda puntata appariranno i mezzosoprani, e devo dire che complessivamente (Fabio Armiliato era d'accordo con me), il livello è stato decisamente superiore rispetto alla prima puntata.
"...eviterei l'ascolto per Radio, farebbe solo del male."(Liuc, Falstaff a Bologna ,giugno 2007)
official web site: http://www.enricostinchelli.it

Rispondi