Compro cd

Discussioni varie a sfondo musical operistico... ma non solo
Rispondi
Avatar utente
paperino
Messaggi: 16886
Iscritto il: 25 set 2003 08:17
Località: Firenze

Re: Compro cd

Messaggio da paperino » 30 lug 2012 22:10

il_bonazzo ha scritto:
paperino ha scritto:
Tebaldiano ha scritto: "Pina di Pontassieve"
Il titolo esatto è "La Zoppa di Pontassieve". Pina è la protagonista.
In realtà, la partitura dell'originale "Zoppa di Pontassieve" è andata perduta perchè Donizetti stesso la bruciò in un accesso d'ira, offesissimo per la salva di fischi e improperi che accompagnarono la prima. Un anno più tardi decise di rimetterci mano, perchè sentiva in modo particolare la bontà della musica che aveva composto, e decise per un titolo leggermente diverso. E' questa seconda versione, ritrovata in una cantina del Sussex, che Opera Rara farà uscire in autunno:

Immagine
Mi permetto di contraddirti. L'autografo della Zoppa di Pontassieve non è andato distrutto. È stato ritrovato di recente (non si sa bene come sia finito lì) presso il circolo di Rifondazione Comunista de Le Sieci. La parte di Pina (contralto) è molto più ampia che nella seconda versione, dove manca la grande scena di autocommiserazione "E allora io...". Il personaggio non è un'ubriacona, ma un essere perseguitato dalla sfortuna azzoppatosi dopo un tentativo di suicidio nella Sieve in secca. La sfortuna infetta anche i familiari, in particolare la figlia Tommasa (soprano), bella donna in gioventù, ma rimasta zitella a causa delle maldicenze sparse a piene mani dalla Signora (mezzosoprano), presso la quale Pina fa le pulizie, che non perde occasione per irriderla.Meno riuscito il personaggio del baritono (Il Marito) tipico maschio sciupafemmine da opera semiseria che umilia di continuo la consorte (vedi aria "Sei qual sacco di patate"). Purtroppo manca il finale quindi non sappiamo quale sia stato il destino ultimo di Pina nella prima versione. La Fleming immagino interpreti Tommasa, la figlia che tenta tristemente di far valere gli ultimi sprazzi di una femminilità che ha conosciuto (si intuisce) giorni migliori.


La conversazione languiva, come sempre d'altronde quando si parla bene di qualcuno (Laclos/Poli).

Avatar utente
Lachmann
Messaggi: 3541
Iscritto il: 03 ago 2005 15:44
Località: Faenza

Re: Compro cd

Messaggio da Lachmann » 30 lug 2012 23:31

paperino ha scritto:La Fleming immagino interpreti Tommasa, la figlia che tenta tristemente di far valere gli ultimi sprazzi di una femminilità che ha conosciuto (si intuisce) giorni migliori.
Quindi la parte eponima è interpretata dalla nipotina del grande Lawrence Tibbett?
Per caso, è Tommasa che canta l'aria "Mai lo vidi, mai il conobbi" che la Fleming, se la memoria non mi inganna, interpretò come bis a sorpresa in un concerto a Norrköping?
[img]http://www.operaclick.com/galleria/cpg1.2.1_standalone/albums/userpics/reneeboys.jpg[/img]

Avatar utente
Ruan Ji
Messaggi: 1415
Iscritto il: 29 ott 2011 14:13
Località: Shanghai

Re: Compro cd

Messaggio da Ruan Ji » 31 lug 2012 00:34

paperino ha scritto:
Mi permetto di contraddirti. L'autografo della Zoppa di Pontassieve non è andato distrutto. È stato ritrovato di recente (non si sa bene come sia finito lì) presso il circolo di Rifondazione Comunista de Le Sieci. La parte di Pina (contralto) è molto più ampia che nella seconda versione, dove manca la grande scena di autocommiserazione "E allora io...". Il personaggio non è un'ubriacona, ma un essere perseguitato dalla sfortuna azzoppatosi dopo un tentativo di suicidio nella Sieve in secca. La sfortuna infetta anche i familiari, in particolare la figlia Tommasa (soprano), bella donna in gioventù, ma rimasta zitella a causa delle maldicenze sparse a piene mani dalla Signora (mezzosoprano), presso la quale Pina fa le pulizie, che non perde occasione per irriderla.Meno riuscito il personaggio del baritono (Il Marito) tipico maschio sciupafemmine da opera semiseria che umilia di continuo la consorte (vedi aria "Sei qual sacco di patate"). Purtroppo manca il finale quindi non sappiamo quale sia stato il destino ultimo di Pina nella prima versione. La Fleming immagino interpreti Tommasa, la figlia che tenta tristemente di far valere gli ultimi sprazzi di una femminilità che ha conosciuto (si intuisce) giorni migliori.
ma sara' questa la zoppa che ispiro' la vicenda?

Il 17 gennaio 1463 «una fanciulla zoppa» di Pontassieve partorì nell'ospedale e la neonata venne registrata come «fanciulla degli Innocenti»

Il Rinascimento dei trovatelli: il brefotrofio, la città e le campagne nella Toscana del XV secolo
di Tomoko Takahashi :?: :?: :?: :?: :?: :?:
Is music such a serious business? I always thought it was meant to make people happy.

Avatar utente
paperino
Messaggi: 16886
Iscritto il: 25 set 2003 08:17
Località: Firenze

Re: Compro cd

Messaggio da paperino » 31 lug 2012 09:21

Lachmann ha scritto:
paperino ha scritto:La Fleming immagino interpreti Tommasa, la figlia che tenta tristemente di far valere gli ultimi sprazzi di una femminilità che ha conosciuto (si intuisce) giorni migliori.
Quindi la parte eponima è interpretata dalla nipotina del grande Lawrence Tibbett?
Per caso, è Tommasa che canta l'aria "Mai lo vidi, mai il conobbi" che la Fleming, se la memoria non mi inganna, interpretò come bis a sorpresa in un concerto a Norrköping?
"Mai lo vidi, mai il conobbi" è presente solo nella seconda versione. Nella prima Tommasa ha una grande scena che inizia col recitativo "Ah perché nol conobbi" seguito dall'aria "Di cento smanie e cento". Tommasa non è protagonista. Il nome è caratteri cubitali è dovuto senz'altro a questioni di marketing. La per me sconosciuta Tibbett potrebbe essere la sventurata Pina.
La conversazione languiva, come sempre d'altronde quando si parla bene di qualcuno (Laclos/Poli).

Avatar utente
paperino
Messaggi: 16886
Iscritto il: 25 set 2003 08:17
Località: Firenze

Re: Compro cd

Messaggio da paperino » 31 lug 2012 09:22

Ruan Ji ha scritto:
paperino ha scritto:
Mi permetto di contraddirti. L'autografo della Zoppa di Pontassieve non è andato distrutto. È stato ritrovato di recente (non si sa bene come sia finito lì) presso il circolo di Rifondazione Comunista de Le Sieci. La parte di Pina (contralto) è molto più ampia che nella seconda versione, dove manca la grande scena di autocommiserazione "E allora io...". Il personaggio non è un'ubriacona, ma un essere perseguitato dalla sfortuna azzoppatosi dopo un tentativo di suicidio nella Sieve in secca. La sfortuna infetta anche i familiari, in particolare la figlia Tommasa (soprano), bella donna in gioventù, ma rimasta zitella a causa delle maldicenze sparse a piene mani dalla Signora (mezzosoprano), presso la quale Pina fa le pulizie, che non perde occasione per irriderla.Meno riuscito il personaggio del baritono (Il Marito) tipico maschio sciupafemmine da opera semiseria che umilia di continuo la consorte (vedi aria "Sei qual sacco di patate"). Purtroppo manca il finale quindi non sappiamo quale sia stato il destino ultimo di Pina nella prima versione. La Fleming immagino interpreti Tommasa, la figlia che tenta tristemente di far valere gli ultimi sprazzi di una femminilità che ha conosciuto (si intuisce) giorni migliori.
ma sara' questa la zoppa che ispiro' la vicenda?

Il 17 gennaio 1463 «una fanciulla zoppa» di Pontassieve partorì nell'ospedale e la neonata venne registrata come «fanciulla degli Innocenti»

Il Rinascimento dei trovatelli: il brefotrofio, la città e le campagne nella Toscana del XV secolo
di Tomoko Takahashi :?: :?: :?: :?: :?: :?:
Chissà.... 8)
La conversazione languiva, come sempre d'altronde quando si parla bene di qualcuno (Laclos/Poli).

Avatar utente
Torvaldo
Messaggi: 212
Iscritto il: 25 lug 2012 10:32
Località: Brisighella

Re: Compro cd

Messaggio da Torvaldo » 31 lug 2012 10:29

Quanto a titoli singolari, mi permetto di citarne anch'io alcuni!
-"Bartolomeo della Cavalla, ovvero L'innocente in Periglio" di Carlo Conti (sul serio!)
-"Voglia di dote e non di moglie" e "La donna selvaggia", capolavori di Carlo Coccia
-"Il reuccio di Caprilana" di Stanislao Gastaldon (non mi capacito del fatto che nel 1914 si ideassero ancora simili titoli!) :sorpre
-"I portenti del magnetismo" di Ferdinando Paer.
Peccato che non siano presi in considerazione da chi programma le stagioni dei teatri, io un Batolomeo della Cavalla me lo gusterei più che volentieri!
"Ma se ti svegli e hai ancora paura ridammi la mano, cosa importa se sono caduto, se sono lontano?" (Fabrizio De Andrè)
"E fidente credeva, più che in dio stesso, in te" (Canio)

Avatar utente
il_bonazzo
Messaggi: 15980
Iscritto il: 03 lug 2002 14:21
Località: Pescara
Contatta:

Re: Compro cd

Messaggio da il_bonazzo » 31 lug 2012 12:42

paperino ha scritto:
Lachmann ha scritto:
paperino ha scritto:La Fleming immagino interpreti Tommasa, la figlia che tenta tristemente di far valere gli ultimi sprazzi di una femminilità che ha conosciuto (si intuisce) giorni migliori.
Quindi la parte eponima è interpretata dalla nipotina del grande Lawrence Tibbett?
Per caso, è Tommasa che canta l'aria "Mai lo vidi, mai il conobbi" che la Fleming, se la memoria non mi inganna, interpretò come bis a sorpresa in un concerto a Norrköping?
"Mai lo vidi, mai il conobbi" è presente solo nella seconda versione. Nella prima Tommasa ha una grande scena che inizia col recitativo "Ah perché nol conobbi" seguito dall'aria "Di cento smanie e cento". Tommasa non è protagonista. Il nome è caratteri cubitali è dovuto senz'altro a questioni di marketing. La per me sconosciuta Tibbett potrebbe essere la sventurata Pina.
Giustappunto, l'aria "Mai lo vidi, mai il conobbi" venne inserita da Donizetti nella seconda versione perchè, a differenza dei mediocri cantanti della prima versione, stavolta aveva a disposizione la celebre virtuosa Poldina Roghetti Cioppi. Aria di conseguenza asperrima, quasi tre ottave di estensione, trilli volatine, coloratura fittissima. Ma anche il duetto "Figlia, dei piaceri fosti privata" tra Pina e Tommasa non scherza, chiara anticipazione di quello Seymour-Bolena.
"Spengi quella telecamera! Spengila, t'ho detto!!!"
Immagine

Avatar utente
Pruun
Messaggi: 3419
Iscritto il: 18 apr 2007 16:17
Località: Macerata, a far vita da bohémien (e mica scherzo...!)
Contatta:

Re: Compro cd

Messaggio da Pruun » 31 lug 2012 13:16

Davvero molto interessante questa dottissima discussione donizettiana.
Mi permetto di precisare che il grande duetto "Figlia, dei piaceri fosti priva" è la versione censurata di un testo originale che esordiva con "Figlia, alle gioie rinunziasti": ovviamente entrambe le varianti saranno inserite nell'incisione.

Avatar utente
b13ne
Messaggi: 8896
Iscritto il: 15 giu 2002 00:24

Re: Compro cd

Messaggio da b13ne » 31 lug 2012 16:06

il_bonazzo ha scritto:la celebre virtuosa Poldina Roghetti Cioppi.
Quella del sito Il corriere della Cioppi?
Vedete i garofani?

Avatar utente
Tebaldiano
Messaggi: 15543
Iscritto il: 16 gen 2004 16:17
Località: Toscana

Re: Compro cd

Messaggio da Tebaldiano » 31 lug 2012 17:45

paperino ha scritto:
il_bonazzo ha scritto:
In realtà, la partitura dell'originale "Zoppa di Pontassieve" è andata perduta perchè Donizetti stesso la bruciò in un accesso d'ira, offesissimo per la salva di fischi e improperi che accompagnarono la prima. Un anno più tardi decise di rimetterci mano, perchè sentiva in modo particolare la bontà della musica che aveva composto, e decise per un titolo leggermente diverso. E' questa seconda versione, ritrovata in una cantina del Sussex, che Opera Rara farà uscire in autunno:

Immagine
Mi permetto di contraddirti. L'autografo della Zoppa di Pontassieve non è andato distrutto. È stato ritrovato di recente (non si sa bene come sia finito lì) presso il circolo di Rifondazione Comunista de Le Sieci. La parte di Pina (contralto) è molto più ampia che nella seconda versione, dove manca la grande scena di autocommiserazione "E allora io...". Il personaggio non è un'ubriacona, ma un essere perseguitato dalla sfortuna azzoppatosi dopo un tentativo di suicidio nella Sieve in secca. La sfortuna infetta anche i familiari, in particolare la figlia Tommasa (soprano), bella donna in gioventù, ma rimasta zitella a causa delle maldicenze sparse a piene mani dalla Signora (mezzosoprano), presso la quale Pina fa le pulizie, che non perde occasione per irriderla.Meno riuscito il personaggio del baritono (Il Marito) tipico maschio sciupafemmine da opera semiseria che umilia di continuo la consorte (vedi aria "Sei qual sacco di patate"). Purtroppo manca il finale quindi non sappiamo quale sia stato il destino ultimo di Pina nella prima versione. La Fleming immagino interpreti Tommasa, la figlia che tenta tristemente di far valere gli ultimi sprazzi di una femminilità che ha conosciuto (si intuisce) giorni migliori.
La seconda versione scelta dall'Opera Rara per per la pubblicazione spiega la presenza di soli due nomi femminili sulla copertina, perché in quella seconda versione ritrovata nel Sussex il ruolo della Signora presso cui la Pina presta servizio, seppure importante drammaturgicamente, è molto ridotto nella parte vocale, riducendosi per buona parte al recitativo.
Quindi Pina è interpreta dal contralto Ursula Tibbett (che ha sostituito all'ultimo momento la prevista Ewa Podles), Renée Fleming è la figlia, il baritono James Jordan è il marito che cornifica la protagonista e Max de Witt interpreta l'ingrata quanto impervia parte tenorile del giovane figlio sfaccendato e perdigiorno della Pina, Gustavo, che passa le giornate a letto e gozzovigliando nella locanda del paese. Ne duetto con la sorella "Hai due scudi, ché debbo pagar l'oste" il tenore ha tre do e si spinge fino al re naturale.
Immagine

Rispondi