Thielemann una folgore alla Scala, Filarmonica al top

per discutere di tutto quel che riguarda la musica strumentale
Rispondi
daphnis
Messaggi: 2433
Iscritto il: 17 mag 2014 10:01

Thielemann una folgore alla Scala, Filarmonica al top

Messaggio da daphnis » 26 nov 2021 17:20

Non c'e' cosa più bella, ascoltando musica, che ricredersi o rivedere idee precostituite. Alla Scala arriva Christian Thielemann in sostituzione di Salonen indisposto. Bravo Meyer che ha rimediato ad alto livello, ma il concerto, nell'esito, va oltre ogni attesa. Mai visto il turno A sinfonica Scala (pieno il teatro) impazzire di esultanza da chiedere a gran voce...il bis della Quarta di Brahms. Custode della tradizione? Scorbutico e pietroso o talora mieloso negli esiti? Si, altre volte, anche per noi, per me. Qui se ne esce con una Quarta che sembra di ascoltare per la prima volta, ebbra di leggerezze, trasparenze, rubati vertiginosi, accelerazioni vertiginose (finale primo movimento, scherzo - fantastico!! - e finale della passacaglia, con in più l'oasi del movimento lento terso, liricissimo,chiuso dalla piccola "stupefatta" cadenza del clarinetto di Meloni). Sembra di non averla mai ascoltata, e fanno perfetto riscontro i 4 lieder di Richard Strauss nei quali la meravigliosa Nylund si immerge con timbro terso e pronuncia delle consonanti tedesche da Schwarzkopf del nostro tempo, e il teatro viene giù e lei e Thielemann, che l'ha avvolta in suoni d'oro e argento, concedono il bis. Che viene di nuovo richiesto a gran voce dopo la dionisiaca Quarta, e il direttore e' lì lì per concederlo, fa segno d'avere il camicione sudato ma, alle repliche, stasera e domani, chissà. Lui sembra ringiovanito di 10 anni in gesto e dinamismo. Una leggerezza nuova, che non gli conoscevamo. Forse, chissà , liberarsi dalle cariche ufficiali...Dirige da uomo libero, in stato di grazia. Libero. Anche dal ruolo di custode della tradizione. Con una tecnica dell'"anticipo"che rende la musica un movimento ininterrotto. Travolgente. Non lo prediligevamo. Qui lo abbiamo amato. Filarmonica pure in stato di grazia come di recente con Trevino e Chailly. Giovane timpanista da urlo in Brahms. Stasera e forse domani ci torniamo. Venite anche voi tutti!!!!! Marco vizzardelli



marco_
Messaggi: 556
Iscritto il: 21 gen 2018 14:19

Re: Thielemann una folgore alla Scala, Filarmonica al top

Messaggio da marco_ » 26 nov 2021 21:41

Era previsto Salonen con un programma stuzzicante, poi sostituito da Thielemann con un programma istituzionale: temevo un concerto altrettanto istituzionale, fortunatamente mi sbagliavo.

Nella Quarta di Brahms il maestro ha impresso un’energia interiore, una tensione emotiva non plateale, un’equilibrio stilistico a tenere i quattro movimenti, una concentrazione e un’attenzione per gli accenti che mi hanno emozionato. Culmine di questa lettura le battute di ricordo dolente nell’Andante moderato e nell’Allegro giocoso, tali da sciogliersi in tanta bellezza. E poi lo scatto nei movimenti estremi, con un nitore da acquerello en plein air; sguazza in questa sinfonia in modo tanto incallito da prendersi qua e là libertà al limite dell’eversivo.

Bravo anche per far suonare come si deve la Filarmonica, incomprensibilmente con un concertino anziché una delle tre spalle titolari (ma è una vecchia storia…), ispirando in loro anzitutto una postura diversa da sacchi di patate accasciati sulle sedie, quindi un suono sfumato e smaltato, infine precisione negli attacchi e tenuta nei piano e pianissimo.

Sono uscito appagato e di buon umore, tornerò domani col desiderio di rigustarlo.

daphnis
Messaggi: 2433
Iscritto il: 17 mag 2014 10:01

Re: Thielemann una folgore alla Scala, Filarmonica al top

Messaggio da daphnis » 27 nov 2021 15:01

E io torno e faccio le tre serate. Affascinante, devo dire. La seconda sera ha, da una parte, una resa meno perfetta che la prima, ma di un calore fantastico. L' uomo cambia stimoli e fraseggi da una sera all'altra, ferma restando la lettura. E' una sorpresa questo Thielemann di ritorno alla Scala. E il tutto trova conferma nella bella intervista di oggi sul Corriere della Sera, dove dice della sua attuale condizione di spirito, oltre all'annuncio della prossima Tetralogia alla Scala, di cui già si sapeva. Piace, piace molto questo nuovo Thielemann. Stasera il terzo ascolto, e ci si torna curiosi. Chi fa musica deve essere così , ogni sera un'avventura nuova

marco_
Messaggi: 556
Iscritto il: 21 gen 2018 14:19

Re: Thielemann una folgore alla Scala, Filarmonica al top

Messaggio da marco_ » 27 nov 2021 21:19

Stasera la Quarta di Brahms si dipanava tra l’ipersensibile e il tarantolato.

Un concerto favoloso.

daphnis
Messaggi: 2433
Iscritto il: 17 mag 2014 10:01

Re: Thielemann una folgore alla Scala, Filarmonica al top

Messaggio da daphnis » 28 nov 2021 01:22

Tra l'ipersensibile e il tarantolato. Non avresti potuto dirlo meglio. Brahms travolgente e di una trasparenza di suono che mai nella vita avrei pensato di ascoltarlo così. La Nylund in Strauss favolosa e immersa in questo argento di suoni e libertà di frasi tali per cui verrebbe da dire - ben contenti che sia in arrivo una Tetralogia - Meyer ci dia al più presto un Rosenkavalier - Thielemann con Nylund Marescialla. Uno di quei concerti che nella vita si ricordano! I tre ascolti su tre sono stati una gioia.E alla fine, saltando sul podio per l'ultima ovazione, Christian Thielemann, dopo aver sguazzato in queste musiche come un pesce che sfrecci libero e sfrenato nel suo habitat, aveva il volto e i gesti di chi si e' sentito amato. E giustamente!!

marco vizzardelli

Rispondi