app di musica classica e lirica

Discussioni varie a sfondo musical operistico... ma non solo
Rispondi
Avatar utente
Matteo Unich
Messaggi: 119
Iscritto il: 09 lug 2011 22:05
Contatta:

app di musica classica e lirica

Messaggio da Matteo Unich » 25 ago 2019 19:54

Buonasera a tutte e a tutti. Qualche giorno fa mi sono imbattuto in un'app specifica per l'ascolto di musica classica e lirica, che si chiama "primephonic". Ha un catalogo molto vasto (alla voce "Aida" mi segnala 458 versioni, anche se a un breve sguardo ho notato che talvolta la stessa versione appare sotto etichette diverse) e offre 14 giorni di prova gratuita, per poi passare a una tariffa inferiore agli 8 euro/mese. Qualcun altro la conosce, o ne usa altre?



Avatar utente
UltrasFolgoreVerano
Messaggi: 16564
Iscritto il: 23 dic 2001 21:42
Località: Verano Brianza (MI)
Contatta:

Re: app di musica classica e lirica

Messaggio da UltrasFolgoreVerano » 25 ago 2019 20:42

L'ho provata ed al momento l'ho trovata estremamente deludente, anche nel campo di "ricerca".

Per me la migliore resta Qobuz.

Avatar utente
massenetiana
Messaggi: 797
Iscritto il: 11 dic 2017 12:06
Località: Costiera Amalfitana e zona vesuviana

Re: app di musica classica e lirica

Messaggio da massenetiana » 25 ago 2019 21:14

Non l'avevo mai sentita nominare... per i miei gusti mi trovo bene con Deezer.
massenetiana sfegatata

" 'A morte 'o ssaje ched'è? È una livella"
(Antonio De Curtis, 'A livella)

"Ogni napoletano è vesuviano, ogni napoletano è precario ma determinato"
(Maurizio De Giovanni)

marcob35
Messaggi: 314
Iscritto il: 07 set 2017 16:59
Contatta:

Re: app di musica classica e lirica

Messaggio da marcob35 » 25 ago 2019 22:05

Non per fare il "guru" (o il "para-guru") della situazione (nel contesto del Forum e suoi adepti), ma sono "basìto". Una applicazione (anzi vedo che ne esistono molteplici, come ovvio) che offre [1] ad esempio 242 registrazioni delle "Variazioni Goldberg"??? Ma che ve ne fate? Vivrete abbastanza per ascoltarne seriamente una o due?
Temo di essere non vecchietto ancora ma inevitabilmente sono andato a quando dovevo andare a piedi da "Ricordi", una tantum, per cercare o meglio scoprire dischi in vinile, che spesso erano la sola edizione esistente o che il Catalogo "Angelicum Sant'Andrea" riportava ma in realtà non si trovava.

A quando piazzavo il "Geloso" G600 con il microfono davanti all'altoparlante della radio per catturare le trasmissioni del Terzo programma RAI; o quando andavo al Festival de l'Unità per comperare qualche disco della "Melodja" che quelli del Partito Comunista ed Associazione Italia-URSS, campionavano nello stand libri e dischi.

Penso che né Beethoven o Verdi o Puccini, avrebbero "perso" il loro tempo dietro tutta codesta musica:
il primo aveva da scrivere alla immortale amata, il secondo badare ai suoi campi e l'ultimo a cacciare quaglie e femmine.

Con tutto il rispetto, Vostro devoto...



[1] https://www.corriere.it/tecnologia/19_g ... f371.shtml
Non leggo mai le critiche degli altri. (Paolo Isotta)

Avatar utente
Giulio Santini
Messaggi: 510
Iscritto il: 02 mar 2016 17:29

Re: app di musica classica e lirica

Messaggio da Giulio Santini » 25 ago 2019 23:27

Provare anche il tradizionale Spotify. Per il prof. Garganese: credo che il vantaggio non stia tanto nella qualità e nemmeno nella quantità, ma nel prezzo...

Avatar utente
Eusebius
Messaggi: 131
Iscritto il: 19 gen 2014 11:12
Località: Emilia

Re: app di musica classica e lirica

Messaggio da Eusebius » 26 ago 2019 10:44

Personalmente mi trovo bene con Idagio. È un'app concettualmente simile a Primephonic, ma un po' più matura (è nel mercato da più tempo). Sta crescendo molto sia come possibilità di ricerca, sia come catalogo (diversi mesi fa si trovava moltissimo di musica strumentale e poco di opera: ora stanno recuperando in maniera decisa).
Spotify in quanto a catalogo è ancora probabilmente il sistema più completo, ma ho sempre trovato difficoltà nella ricerca (trovare una specifica esecuzione può essere piuttosto complesso). Poi in Spotify la qualità audio massima è di un MP3 a 320kbps, mentre su Idagio è possibile avere qualità audio lossless (cosa che per la musica classica a mio avviso conta moltissimo). Primephonic su questo campo penso si spinga oltre, addirittura rendendo disponibili registrazioni a 24 bit.

Rispondi