Cronache del Brattello

Discussioni varie a sfondo musical operistico... ma non solo
Avatar utente
mascherpa
Messaggi: 14055
Iscritto il: 28 apr 2004 14:12
Località: Borgotaro - Venezia

Re: Cronache del Brattello

Messaggio da mascherpa » 19 apr 2016 10:40

Tosca ha scritto:...vivono cinque frati francescani, c'è una femmina. Una sola femmina. Ha accesso alla clausura.
Non di "clausura" credo si tratti (tant'è vero che il cancello d'accesso non ne isola alla vista il chiostro), ma di parte dell'edificio non accessibile ai visitatori "della mezz'ora" (concetto evidentemente superstite al 20 settembre 1958). Il cartello che specifica il divieto d'accesso recita solo "zona riservata a silenzio e preghiera", pratiche entrambi incompatibili con le vocianti "visite guidate". Nessun accenno neppure al «silenzio, mistero» d'un noto coro del primo Verdi e tanto caro alla gestione amministrativo-poliziesca dell'ex-Repubblica di San Marco.

Non sussiste poi la certezza obiettiva che detta femmina sia davvero l'unica presente in pianta stabile entro il sacro recinto: non solo per l'auspicabile presenza di caprette da latte in amistà con i lor capri, ma anche perché ignoriamo, allo stato in essere delle nostre rudimentali informazioni, ove siano alloggiate le oranti o penitenti (bipedi, s'intende, e umane) eventualmente ammesse ai soggiorni "spirituali" nell'isola.

La presenza della toscagnetta (che fa ovvia rima anche con Rapagnetta), seppure inefficace a piú generali conclusioni, allude indubbiamente a una straordinaria apertura della comunità conventuale, e degli Organi che nella Chiesa post-tridentina sono severamente preposti a sorvergliarla, rispetto ad altre realtà come quella ortodossa del Monte Athos in Grecia (ove la nota eccezione per le gatte sembra intrinsecamente legata alle misure generali di contenimento dei múridi, le cui femmine sarebbero fonte di ben piú gravi preoccupazioni).

Lodevole comunque il garbo con il quale il frate-cicerone ha ricordato l'eliminazione, negli anni Ottanta, delle superfetazioni neogotiche nella quattrocentesca chiesina pubblica, perpetrate nel 1923.


Der Weg der neuern Bildung geht
von Humanität
durch Nationalität
zur Bestialität

(F. Grillparzer, aprile 1849)

Immagine

τί μοι σὺν δούλοισιν;

Avatar utente
UltrasFolgoreVerano
Messaggi: 16577
Iscritto il: 23 dic 2001 21:42
Località: Verano Brianza (MI)
Contatta:

Re: Cronache del Brattello

Messaggio da UltrasFolgoreVerano » 19 apr 2016 19:13

Scusate, so che siamo a 66 pagine, ma il Brattello che roba è?

Avatar utente
mascherpa
Messaggi: 14055
Iscritto il: 28 apr 2004 14:12
Località: Borgotaro - Venezia

Re: Cronache del Brattello

Messaggio da mascherpa » 20 apr 2016 12:41

Il Brattello ha appreso con gioia che il suo direttore del cuore, operante nella defilata Innsbruck, vi dirigerà nella prossima stagione Rusalka, Ballo in Maschera e Capriccio. Ha preso nota delle date e s'attiverà appena possibile per assistervi.
Der Weg der neuern Bildung geht
von Humanität
durch Nationalität
zur Bestialität

(F. Grillparzer, aprile 1849)

Immagine

τί μοι σὺν δούλοισιν;

Avatar utente
Tosca
Messaggi: 28151
Iscritto il: 13 lug 2001 14:27
Località: Viareggio

Re: Cronache del Brattello

Messaggio da Tosca » 20 apr 2016 14:15

mascherpa ha scritto:Il Brattello ha appreso con gioia che il suo direttore del cuore, operante nella defilata Innsbruck, vi dirigerà nella prossima stagione Rusalka, Ballo in Maschera e Capriccio. Ha preso nota delle date e s'attiverà appena possibile per assistervi.
:mrgreen: :mrgreen: :mrgreen:
il "suo direttore del cuore" è bellissimo!! :lol: :lol: :lol: :lol:
Immagine

Mala tempora currunt sed peiora parantur

Marilisa Marilì Lazzari

Avatar utente
mascherpa
Messaggi: 14055
Iscritto il: 28 apr 2004 14:12
Località: Borgotaro - Venezia

Re: Cronache del Brattello

Messaggio da mascherpa » 21 apr 2016 08:22

Tosca ha scritto:il "suo direttore del cuore"...
In realtà, come tutti gli "enti" d'animo generoso e per loro disgrazia di buon cuore, il Brattello non ha un solo "direttore del cuore". In Europa è oggi quello di Innsbruck, ma poi ci sono Italia e Oltremare... :mrgreen:
Der Weg der neuern Bildung geht
von Humanität
durch Nationalität
zur Bestialität

(F. Grillparzer, aprile 1849)

Immagine

τί μοι σὺν δούλοισιν;

Avatar utente
Tosca
Messaggi: 28151
Iscritto il: 13 lug 2001 14:27
Località: Viareggio

Re: Cronache del Brattello

Messaggio da Tosca » 21 apr 2016 09:01

mascherpa ha scritto:
Tosca ha scritto:il "suo direttore del cuore"...
In realtà, come tutti gli "enti" d'animo generoso e per loro disgrazia di buon cuore, il Brattello non ha un solo "direttore del cuore". In Europa è oggi quello di Innsbruck, ma poi ci sono Italia e Oltremare... :mrgreen:
...e chi è il direttore del cuore del Brattello che lavora oltremare? Per "oltremare" che si intende? Elba? Capraia? Sicilia? United Kingdon?
Immagine

Mala tempora currunt sed peiora parantur

Marilisa Marilì Lazzari

Avatar utente
mascherpa
Messaggi: 14055
Iscritto il: 28 apr 2004 14:12
Località: Borgotaro - Venezia

Re: Cronache del Brattello

Messaggio da mascherpa » 21 apr 2016 10:04

Tosca ha scritto:Per "oltremare" che si intende? Elba? Capraia? Sicilia? United Kingdon?
Did you mean Kingdom? Or preferably Condom?

Il miglior direttore che abbia mai ascoltato Oltremare, e che è rimasto nel cuore a questo versante del Brattello, è the late Carlos Kleiber. Avvenne at Cagliari, Sardinia, February 1999. Stava ripercorrendo con buona evidenza l'itinerario di Cervantes verso Lepanto: la volta prima aveva diretto a Valencia, il concerto successivo era programmato a Napoli. Però disdisse.
Il migliore vivente da me ascoltato Oltremare è senza confronto Sir Antonio Pappano. Ma forse l'altro versante del Brattello aveva ascoltato bacchette mirabolanti nell'impero del male, dove non uso recarmi se non in cambio d'adeguati emolumenti.
Der Weg der neuern Bildung geht
von Humanität
durch Nationalität
zur Bestialität

(F. Grillparzer, aprile 1849)

Immagine

τί μοι σὺν δούλοισιν;

Avatar utente
Tosca
Messaggi: 28151
Iscritto il: 13 lug 2001 14:27
Località: Viareggio

Re: Cronache del Brattello

Messaggio da Tosca » 21 apr 2016 10:15

mascherpa ha scritto: Il migliore vivente da me ascoltato Oltremare è senza confronto Sir Antonio Pappano. Ma forse l'altro versante del Brattello aveva ascoltato bacchette mirabolanti nell'impero del male, dove non uso recarmi se non in cambio d'adeguati emolumenti.
R Regan chiamò "impero del male" l'Unione Sovietica, ove io un sono stata e te sì.
Poi c'è quello di Guerre stellari. Che io ho visto e te no.
Su Pappano siamo d'accordo. Ma ancora un capisco quale sia l'Impero del male ... :roll:
Immagine

Mala tempora currunt sed peiora parantur

Marilisa Marilì Lazzari

Avatar utente
mascherpa
Messaggi: 14055
Iscritto il: 28 apr 2004 14:12
Località: Borgotaro - Venezia

Re: Cronache del Brattello

Messaggio da mascherpa » 21 apr 2016 12:06

Tosca ha scritto:...ancora un capisco quale sia l'Impero del male ... :roll:
Non ci credo... :mrgreen:

P.S. Neppure io sono mai stato in Unione Sovietica (che non era comunque Oltremare per noi Italiani), ma nelle due capitali russe e dintorni, quando ormai, nel 2009, non esisteva piú da un pezzo l'Unione che ci permetteva di dormire, qui in Europa occidentale, tra due guanciali. Vi sentii direttori come Gergiev e Ashkenazy, rispettivamente al Mariinskij e al Conservatorio di Mosca. Direttori eccellenti, ognun lo sa, ma non li chiamerei mai "bacchette del mio cuore".
Ultima modifica di mascherpa il 21 apr 2016 12:17, modificato 1 volta in totale.
Der Weg der neuern Bildung geht
von Humanität
durch Nationalität
zur Bestialität

(F. Grillparzer, aprile 1849)

Immagine

τί μοι σὺν δούλοισιν;

Avatar utente
Tosca
Messaggi: 28151
Iscritto il: 13 lug 2001 14:27
Località: Viareggio

Re: Cronache del Brattello

Messaggio da Tosca » 21 apr 2016 12:16

mascherpa ha scritto:
Tosca ha scritto:...ancora un capisco quale sia l'Impero del male ... :roll:
Mi pare ovvio: quello oltremare dove tu hai visto opere e io no.
ahhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhh..................................... :mrgreen: or tutto è chiaro!
Immagine

Mala tempora currunt sed peiora parantur

Marilisa Marilì Lazzari

Rispondi