In quel di Shanghai...

Discussioni varie a sfondo musical operistico... ma non solo
Avatar utente
UltrasFolgoreVerano
Messaggi: 16588
Iscritto il: 23 dic 2001 21:42
Località: Verano Brianza (MI)
Contatta:

Re: In quel di Shanghai...

Messaggio da UltrasFolgoreVerano » 06 nov 2015 16:13

Silvestrelli? Intendi Andrea, giusto??? Ma cosa cantava?



Avatar utente
Ruan Ji
Messaggi: 1346
Iscritto il: 29 ott 2011 14:13
Località: Shanghai

Re: In quel di Shanghai...

Messaggio da Ruan Ji » 08 nov 2015 18:16

Fafner, drago e Hagen!!!
Is music such a serious business? I always thought it was meant to make people happy.

Avatar utente
UltrasFolgoreVerano
Messaggi: 16588
Iscritto il: 23 dic 2001 21:42
Località: Verano Brianza (MI)
Contatta:

Re: In quel di Shanghai...

Messaggio da UltrasFolgoreVerano » 08 nov 2015 21:42

Ruan Ji ha scritto:Fafner, drago e Hagen!!!
Grazie!

Avatar utente
Ruan Ji
Messaggi: 1346
Iscritto il: 29 ott 2011 14:13
Località: Shanghai

Re: In quel di Shanghai...

Messaggio da Ruan Ji » 05 dic 2015 03:51

Commovente zampata di due vecchi leoni nel tutto Mozart di ieri sera, Marriner e Demus hanno offerto prospettive per nulla scontate nella Haffner, nella quaranta e nel toccante concerto n.12 un'interpretazione soffusa, mai brillante, lontana dalla luce del sole e ritmicamente asimmetrica..si stentava davvero a credere di trovarsi di fronte a due novantenni!
Is music such a serious business? I always thought it was meant to make people happy.

Avatar utente
Ruan Ji
Messaggi: 1346
Iscritto il: 29 ott 2011 14:13
Località: Shanghai

Re: In quel di Shanghai...

Messaggio da Ruan Ji » 19 mag 2017 16:02

E domani un bel Don Giovanni shanghainese, anche se Schrott non e' sicuramente fra i miei preferiti...SHenyang pero' e' un cantante che amo molto


Erwin Schrott (Don Giovanni)
Shenyang (Leprorello)
Ying Huang (Donna Anna)
Martin-Jan Nijhof (Masetto)
Sylvia Rena Ziegler (Zerlina)
Elise Caluwaerts (Elvira)
Artavazd Sargsyan (Don Ottavio)
Denis Sedov (Commendatore)
Harpsichord: Pierre Gallon
David Stern, Conductor
Shanghai Symphony Orchestra
Shanghai Baroque Festival Soloists
Is music such a serious business? I always thought it was meant to make people happy.

Avatar utente
Ruan Ji
Messaggi: 1346
Iscritto il: 29 ott 2011 14:13
Località: Shanghai

Re: In quel di Shanghai...

Messaggio da Ruan Ji » 12 mag 2018 03:54

Ieri delizioso concerto di Shi Yijie che da bravo shanghainese nn si dimentica di onorare la sua città almeno una volta all’anno con un recital. Voce davvero generosissima.

Questa sera invece seconda di Mahler con Long Yu e la Komlosi alla Shanghai Symphony. Sulla carta non promette male:)

Non c’entra nulla ma volevo condividere anche il piacere di avere finalmente ottenuto per il primo anno il sostegno del Consolato Italiano per il festival del cinema dell’imminente pride shanghainese:) finalmente avremo anche un film italiano in proiezione :P
Is music such a serious business? I always thought it was meant to make people happy.

Avatar utente
Tosca
Messaggi: 28156
Iscritto il: 13 lug 2001 14:27
Località: Viareggio

Re: In quel di Shanghai...

Messaggio da Tosca » 15 mag 2018 20:58

Come è andata la Komlosi, e il Mahler tutto?
Immagine

Mala tempora currunt sed peiora parantur

Marilisa Marilì Lazzari

Avatar utente
Ruan Ji
Messaggi: 1346
Iscritto il: 29 ott 2011 14:13
Località: Shanghai

Re: In quel di Shanghai...

Messaggio da Ruan Ji » 20 mag 2018 21:06

Eseguito ottimamente con solo alcune sbavature nei corni. Komlosi e collega cinese entrambe stupende. La cosa epronche si notava immediatamente è che ne è stata data una lettura assolutamente senza dubbi e tentennamenti, superomistica e infrangibile. Riflettevo con il collega di ascolto che è sicuramente indice di questa nuova confidenza della Cina nelle proprie potenzialità e capacità non dubbi ma certezze. L’orchestra è veramente di primo livello ormai.

Poi la fidanzata dello zar mi è piaciuta molto anche se decisamente di retroguardia per gli anni in cui è stata composta. Regia tradizionalissima ma i colori orchestrali dei complessi del bolshoi hanno dato vigore alla serata.

Risorgo ora poi da un “trittico” veneziano con la Norma d addio della Devia (piantoooooo), la traviata con la regia di carsen e l’operina di Piccinni Il Regno della luna con tanti cinesini così così e due coreani veramente bravi!
Soddisfatto :P
Is music such a serious business? I always thought it was meant to make people happy.

Avatar utente
massenetiana
Messaggi: 802
Iscritto il: 11 dic 2017 12:06
Località: Costiera Amalfitana e zona vesuviana

Re: In quel di Shanghai...

Messaggio da massenetiana » 20 mag 2018 22:36

Ruan Ji ha scritto:
20 mag 2018 21:06
Eseguito ottimamente con solo alcune sbavature nei corni. Komlosi e collega cinese entrambe stupende. La cosa epronche si notava immediatamente è che ne è stata data una lettura assolutamente senza dubbi e tentennamenti, superomistica e infrangibile. Riflettevo con il collega di ascolto che è sicuramente indice di questa nuova confidenza della Cina nelle proprie potenzialità e capacità non dubbi ma certezze. L’orchestra è veramente di primo livello ormai.

Poi la fidanzata dello zar mi è piaciuta molto anche se decisamente di retroguardia per gli anni in cui è stata composta. Regia tradizionalissima ma i colori orchestrali dei complessi del bolshoi hanno dato vigore alla serata.

Risorgo ora poi da un “trittico” veneziano con la Norma d addio della Devia (piantoooooo), la traviata con la regia di carsen e l’operina di Piccinni Il Regno della luna con tanti cinesini così così e due coreani veramente bravi!
Soddisfatto :P
Mi fa molto piacere per te :D :clap:
Buonanotte!
massenetiana sfegatata

" 'A morte 'o ssaje ched'è? È una livella"
(Antonio De Curtis, 'A livella)

"Ogni napoletano è vesuviano, ogni napoletano è precario ma determinato"
(Maurizio De Giovanni)

Avatar utente
Ruan Ji
Messaggi: 1346
Iscritto il: 29 ott 2011 14:13
Località: Shanghai

Re: In quel di Shanghai...

Messaggio da Ruan Ji » 07 gen 2019 17:20

Comunque uscire da un concerto della issimissima Joyce dà sempre una carica di buonumore incontenibile. Oggi poi ha chiuso con un sussurratissimo “Over the rainbow” per rimembrare il suo Kansas. Il tutto reso ancor più prezioso dallo splendido Shi Yijie e dai suoi do folgoranti del “ah! Mes amis”.
E ora si replicherà mercoledì con un concerto War&Peace che già propose a Shanghai un paio di anni fa ma a cui torno con estremo piacere fosse solo per quelle meravigliose mise della Westwood :love:
Is music such a serious business? I always thought it was meant to make people happy.

Rispondi