perchè ai giovani non piace l'opera?

Discussioni varie a sfondo musical operistico... ma non solo
Rispondi
Avatar utente
massenetiana
Messaggi: 802
Iscritto il: 11 dic 2017 12:06
Località: Costiera Amalfitana e zona vesuviana

Re: perchè ai giovani non piace l'opera?

Messaggio da massenetiana » 30 apr 2018 11:19

Neldìdellavittoria ha scritto:
30 apr 2018 10:53
Spero che questo sia il thread giusto per quello che vi vorrei chiedere...
Ultimamente ho cercato di far nascere un certo interesse per l'opera lirica tra i miei amici, i quali sentendomi parlare di cantanti e direttori d'orchestra hanno capito che il genere mi piace assai e - a detta loro - sarebbero pure disposti a venire a vedere un'opera con me a Pisa (purché il prezzo del biglietto sia accessibile anche per degli studenti fuori sede).
Ovviamente però non posso portarli a teatro senza dar loro almeno una vaga idea di che cos'è l'opera. Senza stare a fare subito lezioncine sulla differenza tra recitativo ed aria e sulla "solita forma", vorrei semplicemente (ma neanche tanto) introdurli prima di tutto ad un po' di bella musica, che possa incuriosire anche chi di norma ascolta musica pop e rock ed abbattere il pregiudizio per cui l'opera è manierata, assurda e noiosa.
Come primo esempio, preso un po' a caso tra l'oceano di possibilità, ho fatto sentire ad un'amica l'Ah sì ben mio di Bergonzi... e le è piaciuto.
Voi cosa fareste ascoltare a gente che non si è mai avvicinata all'opera ed è abituata ad un tipo di musica che comporta una fruizione "più immediata"?
Ottimo :D :clap:
Io seguirei proprio questo percorso (che poi è la strada seguita anche da mio zio, unico appassionato di opera della mia famiglia, con me) facendo ascoltare arie di opere cantate dai grandi Callas, Di Stefano, Tebaldi, Corelli, Pavarotti, etc. per poi proseguire, se piacciono questi brani, con l'ascolto di opere intere (in tal caso non inizierei da Werther ed altre opere del genere, come è avvenuto per me, ma da opere del repertorio buffo/comico come Barbiere ed Elisir).
Vedere un giovane avvicinarsi all'opera e magari diventarne un grande appassionato è, per me, un grandissimo piacere, io in verità non sono molto fortunata, ci ho provato varie volte con mio fratello ma niente, non ne vuole proprio sapere, neanche le classiche napoletane vuole sentire e con questo ho detto tutto...
Ultima modifica di massenetiana il 01 mag 2018 12:10, modificato 5 volte in totale.


massenetiana sfegatata

" 'A morte 'o ssaje ched'è? È una livella"
(Antonio De Curtis, 'A livella)

"Ogni napoletano è vesuviano, ogni napoletano è precario ma determinato"
(Maurizio De Giovanni)

Avatar utente
il_bonazzo
Messaggi: 15339
Iscritto il: 03 lug 2002 14:21
Località: Pescara

Re: perchè ai giovani non piace l'opera?

Messaggio da il_bonazzo » 30 apr 2018 11:39

Neldìdellavittoria ha scritto:
30 apr 2018 10:53
Spero che questo sia il thread giusto per quello che vi vorrei chiedere...
Ultimamente ho cercato di far nascere un certo interesse per l'opera lirica tra i miei amici, i quali sentendomi parlare di cantanti e direttori d'orchestra hanno capito che il genere mi piace assai e - a detta loro - sarebbero pure disposti a venire a vedere un'opera con me a Pisa (purché il prezzo del biglietto sia accessibile anche per degli studenti fuori sede).
Ovviamente però non posso portarli a teatro senza dar loro almeno una vaga idea di che cos'è l'opera. Senza stare a fare subito lezioncine sulla differenza tra recitativo ed aria e sulla "solita forma", vorrei semplicemente (ma neanche tanto) introdurli prima di tutto ad un po' di bella musica, che possa incuriosire anche chi di norma ascolta musica pop e rock ed abbattere il pregiudizio per cui l'opera è manierata, assurda e noiosa.
Come primo esempio, preso un po' a caso tra l'oceano di possibilità, ho fatto sentire ad un'amica l'Ah sì ben mio di Bergonzi... e le è piaciuto.
Voi cosa fareste ascoltare a gente che non si è mai avvicinata all'opera ed è abituata ad un tipo di musica che comporta una fruizione "più immediata"?
Io proporrei il finale del Guglielmo Tell, la seconda aria della Regina della Notte e un pò di cose da opera comica tipo Cruda Sorte o l'ingresso di Mamma Agata nelle Convenienze donizettiane.
"Spengi quella telecamera! Spengila, t'ho detto!!!"
Immagine

Avatar utente
karalis
Messaggi: 578
Iscritto il: 06 nov 2010 16:35

Re: perchè ai giovani non piace l'opera?

Messaggio da karalis » 30 apr 2018 14:59

Di seguito proporrei la sortita di Dulcamara e Una furtiva lagrima, due facce di una stessa medaglia.

Avatar utente
massenetiana
Messaggi: 802
Iscritto il: 11 dic 2017 12:06
Località: Costiera Amalfitana e zona vesuviana

Re: perchè ai giovani non piace l'opera?

Messaggio da massenetiana » 01 mag 2018 12:18

il_bonazzo ha scritto:
30 apr 2018 11:39
la seconda aria della Regina della Notte
Ecco questo è uno dei brani che feci ascoltare tempo fa a mio fratello, il quale mi disse: "Ma chi è 'sta pazza? E che vuole?" :roll:
massenetiana sfegatata

" 'A morte 'o ssaje ched'è? È una livella"
(Antonio De Curtis, 'A livella)

"Ogni napoletano è vesuviano, ogni napoletano è precario ma determinato"
(Maurizio De Giovanni)

Avatar utente
Neldìdellavittoria
Messaggi: 229
Iscritto il: 12 nov 2017 20:30

Re: perchè ai giovani non piace l'opera?

Messaggio da Neldìdellavittoria » 01 mag 2018 14:34

Innanzitutto ringrazio tutti quanti per i consigli!
Quello che ho pensato - non so se a torto o a ragione - è che forse sarebbe opportuno evitare brani arcinoti (stile brindisi della Traviata, per intenderci) perché quelli bene o male chiunque li ha sentiti almeno una volta nella vita, e se non ne sono già rimasti particolarmente colpiti è meglio iniziare da qualcos'altro. È vero che un "brindisi" cantato come Dio comanda può piacere, però preferirei qualcosa di altrettanto accattivante ma meno usurato. Proverò quindi con alcuni dei brani che mi avete consigliato, vediamo come reagiscono...
Die bitteren Tränen der Petra von Kant

LucaB.
Messaggi: 39
Iscritto il: 16 dic 2013 13:08

Re: perchè ai giovani non piace l'opera?

Messaggio da LucaB. » 01 mag 2018 16:15

Vorrei suggerire la Carmen. Sono brani a mio parere accattivanti, e si trovano in giro molte valide esecuzioni.
E, dato che anche l'occhio vuole la sua parte, mi permetto di segnalare, per i suoi amici, l' Habanera della Antonacci:
https://www.youtube.com/watch?v=KJ_HHRJf0xg
Per le sue amiche potrei segnalare il Toreador di Ildebrando d'Arcangelo:
https://www.youtube.com/watch?v=aFr8Q_PIMhc
Non essendo però un esperto di bellezza maschile, sono certo che, in caso, lei troverà facilmente qualcuno di più aderente ai gusti femminili in materia...
Spero di non avere offeso la sensibilità di nessuno. :) :) :)
Un caro saluto.

Avatar utente
massenetiana
Messaggi: 802
Iscritto il: 11 dic 2017 12:06
Località: Costiera Amalfitana e zona vesuviana

Re: perchè ai giovani non piace l'opera?

Messaggio da massenetiana » 01 mag 2018 18:27

Neldìdellavittoria ha scritto:
01 mag 2018 14:34
Innanzitutto ringrazio tutti quanti per i consigli!
Quello che ho pensato - non so se a torto o a ragione - è che forse sarebbe opportuno evitare brani arcinoti (stile brindisi della Traviata, per intenderci) perché quelli bene o male chiunque li ha sentiti almeno una volta nella vita, e se non ne sono già rimasti particolarmente colpiti è meglio iniziare da qualcos'altro. È vero che un "brindisi" cantato come Dio comanda può piacere, però preferirei qualcosa di altrettanto accattivante ma meno usurato. Proverò quindi con alcuni dei brani che mi avete consigliato, vediamo come reagiscono...
Giusto :clap:
Ora che ci penso, proporrei anche qualche romanza, come ad esempio la Mattinata di Leoncavallo ( :love: ) o Rondine al nido cantate ovviamente dai veri tenori.
massenetiana sfegatata

" 'A morte 'o ssaje ched'è? È una livella"
(Antonio De Curtis, 'A livella)

"Ogni napoletano è vesuviano, ogni napoletano è precario ma determinato"
(Maurizio De Giovanni)

PieroF
Messaggi: 125
Iscritto il: 16 apr 2014 07:44
Località: Milano

Re: perchè ai giovani non piace l'opera?

Messaggio da PieroF » 15 giu 2018 23:19

La mia esperienza.
Ho iniziato ad ascoltare musica classica perché era la sola musica che si ascoltava in casa, e la prima opera che ho visto (in un teatro di provincia lombarda) è stata il Mefistofele. Ricordo ancora quello spettacolo in alcuni dettagli, più di 50 anni dopo... ma non voglio dire che si debba iniziare da lì.

Quando l'ho conosciuta, mia moglie non era una fan della classica né dell'opera, ma non l'ha certo rifiutata... anzi negli anni si è sempre più allineata a me nella mia passione, aggiungendovi anche il balletto (e qui Bolle ha avuto una parte non indifferente).

Per nostra figlia, "costretta" dalla mia presenza in casa ad ascoltare musica classica e per pochi anni assoggettata contro voglia a lezioni di piano (finché s'è rifiutata di continuare), alla fine avevo perso ogni speranza... invece ora non ancora trentenne va a concerti ed opere con amici che amano questa musica.

Infine un mio caro amico, bravo cantante e chitarrista fan dei Beatles da sempre, e dei Pink Floyd ed altri che non conosco/ricordo, da un paio d'anni a questa parte ha cominciato ad ascoltare opere alle generali della Scala, oltre che a cantare in un coro di appassionati di classica (per dire: il Va pensiero è un suo pezzo forte o la messa tedesca di Schubert...).

Tutto ciò merito dell'incitamento della famiglia, degli amici o altro ? forse in piccola parte, comunque di sicuro grazie alla fortuna di aver avuto modo di ascoltare non una sola volta ma con una certa regolarità tale musica, così da capirla un po' per volta fino ad apprezzarla e poi ad amarla e non poterne più fare a meno.
Grosso handicap: non viene insegnata a scuola come avviene per la letteratura, o le scienze o l'arte. La musica semplicemente non esiste a scuola (non ho mai capito perché in passato l'introduzione alla cultura musicale fosse fatta coincidere con lo strapazzare un flauto dritto...); quindi chi si fa un po' di cultura musicale è solo perché ha avuto la fortuna di avere accesso volontario o casuale alla musica stessa.

Avatar utente
mascherpa
Messaggi: 14055
Iscritto il: 28 apr 2004 14:12
Località: Borgotaro - Venezia

Re: perchè ai giovani non piace l'opera?

Messaggio da mascherpa » 18 giu 2018 12:03

PieroF ha scritto:
15 giu 2018 23:19
...grazie alla fortuna di aver avuto modo di ascoltare non una sola volta ma con una certa regolarità tale musica, così da capirla un po' per volta fino ad apprezzarla e poi ad amarla e non poterne più fare a meno.
Tra gli ormai numerossimi tentativi d'eziología sull'argomento, questo mi pare convincente.
Der Weg der neuern Bildung geht
von Humanität
durch Nationalität
zur Bestialität

(F. Grillparzer, aprile 1849)

Immagine

τί μοι σὺν δούλοισιν;

Rispondi