Salvatore Accardo a Pisa

per discutere di tutto quel che riguarda la musica strumentale

Moderatore: Berlioz

Rispondi
Avatar utente
Giulio Santini
Messaggi: 274
Iscritto il: 02 mar 2016 17:29

Salvatore Accardo a Pisa

Messaggio da Giulio Santini » 02 dic 2018 11:40

Iersera concerto pisano dell'Ort diretta da Accardo; programma della "Festa della Toscana" (che cade il 30 novembre, ricordando la riforma penale leopoldina), replicato in quattro località. Teatro gremito come per le opere di repertorio più popolari. Programma accattivante: il concerto per violino di Beethoven, e l'op. 4 di Schönberg.
Accardo violinista ha offerto una prova che, prescindendo dalla stima che si deve tributare a un artista con la sua storia e della sua grandezza, ha convinto fino a un certo punto: impreciso e anche stonato (forse oltre il tollerabile), soprattutto nel primo movimento, un po' meno nel secondo e molto meglio nel terzo, ha offerto una prova che non conservava che le intenzioni della apollinea e robusta monumentalità del suo violinismo, e non è uscito nemmeno algido, ma abbastanza anodino, sembrando quasi titubare di fronte a una partitura forse troppo difficile per le sue vecchie mani, anche se la sua grande classe era percepibile nell'eleganza del fraseggio. Come direttore, forse si è fatto del male da solo; la lettura del concerto è stata abbastanza superficiale, slentata, poco coesa. Molti meno danni con Notte trasfigurata (versione per orchestra d'archi): sì che ne è uscita una esecuzione più che accettabile per il livello delle attese, anche grazie a un'Orchestra regionale piuttosto in forma (meno per quanto riguarda i fiati), soprattutto nelle prime parti, che hanno dialogato molto bene.
Successo tiepido, il che al fondo un po' dispiace, anche se non era imprevedibile, e nessun fuori programma.



Avatar utente
Amfortas_Genova
Messaggi: 196
Iscritto il: 04 mag 2014 18:31
Località: Genova

Re: Salvatore Accardo a Pisa

Messaggio da Amfortas_Genova » 02 dic 2018 21:38

Violinista decisamente ‘past his prime’, un concerto non lo regge più, ma può dare un po’ di soddisfazione con un Capriccio. Il ricordo peggiore comunque ce l’ho di sua moglie e il suo trio veramente scarso. E lei non ha la scusa dell’età.
«Few men think; yet all have opinions»
Berkeley

Avatar utente
mascherpa
Messaggi: 13691
Iscritto il: 28 apr 2004 14:12
Località: Borgotaro - Venezia

Re: Salvatore Accardo a Pisa

Messaggio da mascherpa » 05 dic 2018 09:49

Anche per i miei ultimi ascolti diretti, già non piú recentissimi, dovrei dire sic transit gloria...
Tra l'altro, dirigere insieme l'Opus 61 mentre lo si suona mi pare impresa da fare davvero tremar le vene e i polsi anche a chi fosse in pieno vigore strumentale.
Der Weg der neuern Bildung geht
von Humanität
durch Nationalität
zur Bestialität

(F. Grillparzer, aprile 1849)

Immagine

τί μοι σὺν δούλοισιν;

Rispondi